Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

E-mail marketing. Quali tendenze?

| 0 comments

Fonte immagine: webseoanalytics.com

Su 157 milioni di utenti internet (in cinque paesi: Italia, Germania, Regno Unito, Francia e Spagna), è stato calcolato che in media vengono ricevute circa 5,3 miliardi di email al giorno, in media 28 mail pro capite giornaliere, per un totale di 360 milioni di caselle di posta utilizzate.

Sono i dati che emergono dalla terza edizione dell’European Email Marketing Consumer Report di Contact Lab, datata novembre 2011.

Ciò che emerge chiaramente dalla ricerca può essere sintetizzato nei seguenti punti:

- cresce l’atteggiamento “punitivo” dell’utente, che nel 72% dei casi quando riceve una mail non desiderata la cancella senza neanche aprirla;

- Gmail, Yahoo e Hotmail si presentano come i 3 principali domini di posta scelti;

- la maggior parte dei rispondenti dei 5 Paesi (36%) è iscritta ad un numero di newsletter compreso tra tre e dieci;

- circa un quarto dei rispondenti dei 5 Paesi (23%) dichiara di aver effettuato una registrazione ad una newsletter tramite una Fanpage.

- il 56% degli iscritti alle newsletter che dichiarano di avere già un’esperienza di acquisto online, ha effettuato acquisti perché stimolato da un’offerta interessante presentata all’interno di una newsletter. Secondo quanto ha dichiarato il 63% degli intervistati, ciò che influisce maggiormente sull’acquisto sono le informazioni che la newsletter fornisce relativamente ad offerte e promozioni convenienti.

Dopo un’attenta riflessione, potremmo dire che fra i concetti chiave di un’accurata strategia di Email Marketing, la pertinenza sembra essere fondamentale. “Spedire meno e spedire meglio” è il motto che dovrebbe animare ogni azienda, poiché l’utente medio – oggi ultra sollecitato da vari messaggi -  è stanco di ricevere email poco pertinenti e interessanti.

Inoltre, ad un’analisi più tecnica, potremmo concludere come stia crescendo il legame fra social network e newsletter, nonché quello fra quest’ultimo strumento e la vendita di prodotti online, attraverso piattaforme di e-commerce.

La conclusione secondo noi è evidente. Nonostante la mail “vecchio stile” sia un concetto superato, il messaggio di posta social, integrato in una strategia di più ampio respiro (condivisione sui social network, invita un amico, copra online, etc) , è ancora oggi uno strumento fondamentale per accrescere la brand awareness e le vendite.

In attesa della 4^edizione della ricerca (su cui ovviamente vi aggiorneremo), noi del Centro Grossisti Padova abbiamo deciso di rincorrere il cambiamento. E voi?

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Author: Marco Baruffato

Content & Editor Manager

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing