Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Commercio e Nostalgie di Shopping

| 0 comments

Fonte: http://www.stylosophy.it

A chi di voi non è capitato di entrare in un qualsiasi punto vendita e d’improvviso, girandovi, essere letteralmente assaliti dalla commessa di turno che, con fare gentile e talvolta quasi stucchevole vi domanda: “Salve, avete bisogno?” con l’immancabile risposta “No grazie dò solo un’occhiata”.
Ma ancor più divertente e sicuramente meno inquietante, è il caso in cui, dopo due ore che siete dentro e ormai avete imparato a memoria ogni angolo del locale per quante volte l’avete girato, non troviate nessuno a cui poter chiedere informazioni. E se per caso,di sfuggita, vedete qualcuno con la scritta staff sulla maglietta, la risposta che avrete sarà inevitabilmente sempre la stessa: “Mi dispiace ma questo non è il mio reparto; provi a vedere se c’è qualcuno più avanti”. Così, stremati, presi dalla disperazione e dal nervosismo lasciate tutto e andate via.

Molto spesso si perde di vista l’idea di cliente, che lo si “traumatizzi” o lo si ignori completamente non fa differenza, perché si dà per scontato che, essendo un consumatore, se avrà bisogno tornerà comunque. Il risultato? Non ci si applica mai abbastanza per dargli un motivo per ritornare. È vero che questo accade anche se il servizio non ci ha entusiasmato, spesso ci si butta nello shopping per le offerte e per le promozioni che vengono lanciate nel mercato e data la crisi che stiamo vivendo, è più che normale.

A questo proposito sono molto esilaranti le pubblicità sul commercio online il quale, pur non basandosi sul rapporto diretto col pubblico, sta diventando un settore in continua espansione, soprattutto grazie ai prezzi vantaggiosi che vengono proposti. Grandi intenditrici in questo campo sono le donne, che non volendo rinunciare ai loro piccoli o grandi desideri, trovano nel web la soluzione ai propri bisogni. Ma in internet si può davvero trovare di tutto, dall’abbigliamento agli immobili, passando dall’usato; è una vera “piazza virtuale” che mette in continua comunicazione la domanda e l’offerta ed è proprio questo il motivo che ne fa uno strumento così potente, che ogni azienda dovrebbe utilizzare.

Dal canto mio, però, rimpiango un po’ i vecchi tempi: quando comprare qualcosa non era solo una corsa spasmodica, ma un vero e proprio piacere; un modo per incontrare gente, magari fare due chiacchiere; quando il negoziante conosceva le tue esigenze o cercava comunque di capirle, rapportandosi a te con l’autentica necessità di consigliarti al meglio con un’empatia che, ai giorni d’oggi, è davvero raro trovare in chi fa questo mestiere.

Immagine: ©panthermedia.net/ Sigrid Pfeifer – Vecchio registratore di cassa

In alcuni dei più grandi ipermercati si sono già fatte largo le casse automatiche togliendo così di fatto LA PERSONA, il suo ruolo ma soprattutto il suo lavoro. Quella che quando ti dimentichi qualcosa ti dice: “Guardi sta’ proprio lì se fa in fretta l’aspetto”, o che con un semplice sorriso da’ corda al vecchietto che uscendo di casa ha voglia di parlare.

Pensando a questo, poco tempo fa, mi è capitato di rivedere uno dei film cult anni ottanta – Ritorno al futuro – e mi è venuto da sorridere notando come il regista Robert Zemeckis sia riuscito a riportare sullo schermo piccole cose che a distanza di anni, si sono poi verificate. Ne sono un esempio la scena dello squalo che mangia il protagonista prima dell’avvento dei film in 3d, o il sindaco di colore di Hill Valley prima ancora che ci fossero le elezioni del presidente Obama. Ovviamente non abbiamo macchine volanti e siamo ancora ben lontani dalla realtà costruita e ideata da questo regista, ma vedendo come spesso si abusa della tecnologia anche laddove non ce n’è una vera necessità un po’ d’ansia viene.

Per questo motivo credo che nonostante tutto, nonostante i mille vantaggi della rivoluzione tecnologica, il rapporto umano sia un elemento prezioso da non sottovalutare e che bisognerebbe imparare a valorizzare in qualsiasi settore.

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing