Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Sigaretta Elettronica. Moda?

| 0 comments

RUBRICA “LA BOTTEGA DELLE IDEE” di Serena Evola

Torniamo nella nostra Bottega e dedichiamo questo post a tutti coloro che hanno il vizio più antico del mondo: il fumo.

Inutile ricordare i danni che questo comporta, perchè, a parte il fatto che presumiamo che ogni fumatore ne sia consapevole  – visto anche come vengono riportati i rischi sui pacchetti – non è la prerogativa di questo post fare della morale. Piuttosto, il nostro scopo, essendo provato che l’incapacità di smettere derivi più da fattori psicologici che non dalla dipendenza, è quello di dare modo, a chi ne volesse sapere di più, di conoscere LA SIGARETTA ELETTRONICA.

Proprio in quest’ultimo periodo, infatti, sta prendendo piede e cominciano a proliferare i negozi che la vendono. Ad ogni angolo ormai, nelle città di medie e grandi dimensioni soprattutto, se ne può trovare uno, dove prima magari c’era una piccola cartoleria o un negozio di elettrodomestici.

A quanto pare molta gente se ne sta servendo per smettere di fumare, o comunque per diminuire l’assunzione di nicotina. Il suo successo deriva dal fatto che riesce a dare la stessa sensazione, anche visiva, di una sigaretta vera e il fumatore mantenendo la gestualità, riesce ad allontanarsi dall’originale cancerogena abitudine. Ciò che s’inala è, infatti, una soluzione di acqua, glicole propilenico, glicerolo, nicotina (in quantità variabile o anche assente) e aromi alimentari.

È anche molto comoda, dal momento che la sua batteria – della durata normale di circa 24 h – può essere ricaricata non solo attraverso un caricabatterie molto simile a quello del cellulare, ma anche attraverso cavi USB per computer o addirittura le prese accendisigari per automobili. Non dimentichiamo, poi,la componente “fashion” per così dire. Se ne possono trovare, infatti, di tutti i modelli, multicolor, e riponibili in pratici astucci, anch’essi disponibili in varia tipologia: dall’elegante al casual, ce ne sono per tutti i gusti.

Se parliamo di prezzi, invece, il prodotto si colloca certamente in una fascia medio alta all’acquisto, nonostante si stiano diffondendo tante soluzioni anche di fascia medio-bassa. Un kit per la sigaretta elettronica può variare dai 30 euro, fino ad arrivare ad astucci di alta qualità – che solitamente propongono due sigarette elettroniche e possono costare anche fino a 100-120 euro. Il prezzo medio per iniziare a fumare la sigaretta elettronica si aggira, comunque, intorno ai 60 euro.

 

Ovviamente, bisogna poi considerare il costo delle ricariche liquide, ma è stato calcolato un risparmio notevole per i fumatori che abbandonano la sigaretta tradizionale, pari anche fino a circa il 70% all’anno.

Si guadagna quindi in salute, portafoglio e anche libertà, dal momento che si è liberi di tornare a fumare ovunque, poiché il prodotto finale della sigaretta elettronica non è nocivo.

Rischi? Per quanto se ne parli molto, non sono stati ancora comprovati, e al momento sembrano pesare certamente di più i vantaggi offerti. E sebbene a molti possa sembrare una “scappatoia”, un modo illusorio sul quale dovrebbe prevalere la volontà personale, viene comunque da chiedersi: se abbiamo un modo per agevolarci a migliore la qualità di vita, perchè non farlo?

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing