Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Il Festival fra Moda e Glamour

| 0 comments

Si è da poco conclusa la settantesima Mostra del Cinema di Venezia e dopo film, documentari, premi e sconfitte, ora posso finalmente tirare le somme su ciò che più mi compete: Moda e Glamour.

Molte sono state le Star e le starlette arrivate anche d’oltreoceano per calcare il nostro red carpet, come molti e dei più svariati sono stati i look sfoggiati in questa edizione. In un evento di tale importanza come questo, sembra quasi si faccia a gara per mettere in risalto il proprio fascino e la propria bellezza, che si parli di attori, modelle o personaggi più per l’aspetto esteriore che per le qualità artistiche. L’importante è che se ne parli. Anzi, l’importante è essere notati.

Eva Riccobono

Ma noi adesso parliamo di abiti. Voglio iniziare dal nostro vanto italiano: lei, Eva Riccobono – lanciata come attrice da Carlo Verdone e scelta come madrina per questa manifestazione in laguna – non ha sbagliato un colpo. Col suo charme inconfondibile e la sua bellezza disarmante ha incantato tutti scegliendo abiti che si uniformassero bene alla sua persona e che, nonostante fossero molto lavorati, indossati da lei fossero capaci di apparire come estremamente semplici.

Non si possono non nominare anche le dive hollywoodiane Sandra Bullock – protagonista insieme a George Clooney nel film “Gravity” – e Scarlett Johansson con il suo ruolo in “Under the Skin”. La prima si è presentata con un abito rosso firmato J.Mendel, forse la vera pecca di questo Festival; perché senza nulla togliere alla bravura dell’attrice, dava l’impressione di essere più un pacco da scartare a Natale che un abito adatto a lei e alle sue forme. Insomma a mio avviso la Bullock non si è valorizzata nel modo migliore sul red carpet. Diversamente la Johansson ha scelto un lungo e scollato abito di Versace, nero, che cadendole addosso perfettamente risaltava tutte le sue curve come sempre sensualissime e impeccabili.

Veniamo adesso alle nostre dive nostrane interpreti di grandi film d’autore come la bravissima Sandra Ceccarelli che è stata protagonista insieme ad Antonio Albanese nella pellicola “L’intrepido” e alla collega Alba Rohrwacher che invece ha lavorato al film “Via Castellana Bandiera”, entrambi in concorso. Tutte e due le attrici hanno scelto Emporio Armani: la Ceccarelli in un morbido blu lungo e sofisticato; la Rohrwacher in un più rigido nero, che accostato alla sua aura eterea dava grande contrasto. Entrambe hanno saputo dar prova di grande eleganza.

Da sx a dx: Bullock, Johansson, Ceccarelli, Rohrwacher

Ci sarebbero molti altri nomi da citare, ma non voglio dilungarmi nella solita lista. Augurandomi di non essere troppo patriottica, tuttavia, mi viene spontaneo affermare senza troppi dubbi che, al di là delle vittorie cinematografiche più o meno condivisibili (ricordo comunque che il Leone d’Oro è stato assegnato al nostro connazionale Gianfranco Rosi), tutti potremmo concordare sul fatto che il vincitore, almeno sul tappeto rosso, è stato lo stile Made in Italy.

 

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing