Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

eCommerce e Acquisti Online in Italia

| 0 comments

Dati eCommerce e Acquisti Online in Italia

Quella che segue è la fotografia scattata dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano, giunto alla sua undicesima edizione e presentato al campus Bovisa nel convegno dal titolo “Mobile e multicanalità: una svolta per l’eCommerce in Italia?”.

Se i consumi nei canali offline registrano un ulteriore calo pari all’1,5%, l’eCommerce prosegue nel trend di crescita a doppia cifra: anche il 2013 fa registrare un incremento del 18% rispetto al 2012, addirittura pari al 95% rispetto al 2009, che porta le vendite da siti Italiani a 11,3 miliardi di euro.

Aumenta anche il valore dell’acquistato online al +15% diretta conseguenza dell’aumento degli acquirenti online che raggiungono quota 14 milioni (erano 12 milioni nel 2012). Senza dubbio alla base di questa crescita c’è il ruolo sempre più importante giocato dal mobile, che estendono la possibilità di acquisto al di là del classico PC registra una crescita a tripla cifra, +255%.

Il 2013 è stato l’anno della crescita impetuosa del Mobile Commerce: gli acquisti tramite Smartphone hanno rappresentato da soli oltre il 20% della crescita annua dell’intero eCommerce e hanno superato complessivamente il mezzo miliardo di euro di transato, a cui va aggiunto il miliardo di euro transato via Tablet: attraverso questi device passa il 12% del mercato eCommerce” ha commentato Alessandro Perego, Responsabile Scientifico Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano. “Parallelamente, le strategie di multicanalità, che prevedono l’utilizzo congiunto e integrato di canale fisico e canale online anche attraverso Smartphone e Tablet, hanno portato molti benefici: maggiore efficacia nel trasferimento delle informazioni grazie all’Infocommerce, incremento nell’efficienza dei processi di punto vendita mediante il “Prenota online e ritira in negozio” e miglioramento del servizio al cliente con l’acquisto online e l’assistenza in-store“.

Tra i settori in maggior spolvero, bene l’Abbigliamento che anche quest’anno fa registrare l’incremento più elevato (30%) grazie alla crescita strutturale dell’ecommerce. Ottimi i risultati dell’ICT che, trainata dai grandi retailer cresce del 20% circa rispetto al 2012.

Leggermente ferma invece la situazione per l’Editoria, musica e audiovisivi (+6%), nel Grocery la crescita è dell’11% (pari in valore assoluto a pochi milioni di euro), mentre nell’Arredamento vi è stato un incremento significativo del venduto (oggi pari a 70 milioni di euro), grazie al contributo sia dei grandi retailer sia di startup del settore.

Le vendite di servizi continuano a crescere ma sotto la media del mercato: +13% per Turismo e +14% per le Assicurazioni grazie agli operatori del trasporto aereo e dei portali di hotel nel primo caso e alle prestazioni positive di tutti i principali operatori del mercato nel secondo.

I servizi pesano comunque per il 61% delle vendite“, aggiunge Riccardo Mangiaracina, Responsabile Osservatorio eCommerce B2c Netcomm del Politecnico di Milano. “Il Turismo raggiunge una quota di mercato nell’eCommerce pari al 43%, le Assicurazioni arrivano al 10%, altri servizi all’8%; e i prodotti, invece conquistano il 39% delle vendite: l’Abbigliamento ottiene una quota pari al 12%, Informatica ed elettronica raggiungono l’11%, l’Editoria il 3%, Grocery l’1%, altri comparti, incluso il c2c, il 12%. La situazione italiana si conferma quindi peculiare rispetto a quella dei principali mercati stranieri, dove il peso dei prodotti prevale su quello dei servizi, con valori compresi tra il 65 e l’80%“.

Anche la penetrazione dell’eCommerce sul totale delle vendite retail, pari al 3% nel 2013 in Italia (era 2,6% nel 2012), ma in base a questi dati rimaniamo fanalino di coda in Europa e più vicini ai paesi emergenti. Situazione che indica la grande potenzialità ancora inespressa del settore in Italia.

Nei paesi maturi più maturi (UK, USA, Corea e Giappone) la penetrazione oscilla tra il 10 e il 14%, mentre in Germania , Francia e Spagna è più bassa: 8,6 e 4,5%. Nei paesi emergenti passa invece dallo 0,5% dell’India al 2,7% della Cina.

Il Mobile Commerce con un incremento del 255% passa da 144 milioni di euro nel 2012 a 510 milioni di euro nel 2013, pari al 4,5% delle vendite online divise quasi equamente tra prodotti e servizi. Ad esse si aggiungono le vendita tramite Tablet, pari a 1 miliardo di euro. Un terzo effettuate tramite App mobile appositamente sviluppate dai player e il restante mediante connesione sul sito di eCommerce dell’azienda.

Concludiamo confermando che ecommerce e acquisti online sono senza dubbio l’imagine di un settore in grande crescita e che conferma le enormi potenzialità ancora inespresse nel nostro paese. Questo dovuto probabilmente al un tessuto di piccole e medie imprese ancora poco attente all’innovazione dei modelli distributivi e commerciali.

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Author: Francesco Fascinato

Project Manager

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing