Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Adsense Direct. Pubblicità per PMI

| 0 comments

Nasce Adsense Direct PMI…

E venne il giorno dell’entrata di Google nel mondo della PMI. Lo fa in questo inizio di 2014, con la nascita di Adsense Direct, un nuovo modo di fare advertising per le PMI, dando la possibilità anche ai piccoli editori di avere il proprio mercato.

Con Adsense Direct non è più obbligatorio avere un account su Google Adwords e per le piccole aziende c’è la  grande opportunità di avere con pochi dollari (per il momento) una immensa vetrina qual’è la grande G.

Una volta che l’editore s’iscrive ad Adsense Direct può procedere a concludere l’accordo con l’inserzionista e pubblicare l’annuncio dal suo computer. Subito dopo l’azienda procederà al pagamento dell’annuncio attraverso Google Wallet mentre l’editore verrà pagato tramite Google Adsense.

Tale innovazione toglierà anche un altro passaggio a volte “rognoso” come la modifica dei codici all’interno delle pagine web dove verrà collocato l’annuncio.

In più avendo come target le PMI,  Adsense Direct non è soggetto al monitoraggio di DoubleClick che invece tiene sotto controllo tutti gli Adwords a cui si rivolgono aziende con un mercato più vasto.

Sembra destinato ad un grande successo, anche se sono già presenti degli strumenti concorrenziali  come iSocket e BuySellAds.

Per il momento Adsense Direct è disponibile solo in America e permetterà a Google di prendersi il 15% per ogni Adsense concluso con successo. Gli inserzionisti potranno comprare uno spazio per una durata che va dal singolo giorno fino a 90 giorni.

Infine Google raccomanda agli editori di aumentare di 2,5 volte il prezzo per una campagna Adsense Direct rispetto ad una tradizionale campagna targettizzata.

La novità in casa Google Adv rappresenterà sicuramente per i piccoli editori una fonte di guadagno maggiore rispetto al classico progenitore, visto che i loro clienti saranno degli inserzionisti individuali e quindi si punterà più sulla quantità di clienti che sulla qualità del contenuto dell’annuncio.

A discapito del lettore forse? Chi lo sa! Dateci il vostro parere…

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing