Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Facebook anticipa Whatsapp sulle chiamate

| 0 comments

Concorrenza in casa Facebook

Quando la concorrenza porta a fare mosse mai viste prima, ovvero muoversi in anticipo rispetto a chi fa già parte della tua stessa azienda…o per meglio dire del tuo impero, visto che stiamo parlando di Facebook.

L’azienda di Menlo Park, dopo aver incassato il secondo down nel giro di poco tempo dell’ultima arrivata Whatsapp, ha deciso di anticiparla nel lancio delle chiamate gratuite aggiungendo il Voip su Facebook messenger rendendolo già disponibile  per Android e iOS mentre per i Windows Phone c’è ancora da pazientare un pò.

Tutto questo, sembrerebbe, per cercare di tamponare la grande migrazione di utenti verso altre applicazioni quali Skype, Viber,WeChat,Telegram (che già hanno incorporato da tempo la chiamata vocale) e non ultimo  Twitter  che ha aggiornato la sua app Vine – che permette di creare dei mini video di sei secondi – aggiungendo la funzione Messaggi sia testuali che video.

Ma oltre a difendersi, Facebook guarda al futuro perchè c’è chi dice che dietro l’acquisizione di Whatsapp ci sia l’intenzione di unirla con Facebook Messenger arrivando ad avere un miliardo e 650 milioni di utenti. Se poi aggiungiamo che Whatsapp giorni fa ha stabilito il record di 64 miliardi di  messaggi inviati in 24 ore capite bene quale sia il potenziale di questa unione, che a parer mio non ha fatto altro che potenziare Facebook e renderla più competitiva nei confronti delle altre piattaforme social.

Venendo all’aspetto tecnico della nuova funzione di Facebook Messenger per effettuare la chiamata bisogna verificare se l’utente che si vuole chiamare sia connesso in tal caso esso avrà sulla propria finestra di dialogo la cornetta di color azzurro in caso contrario sarà di color grigio.

Per far sì che la chiamata sia completamente gratuita bisogna essere collegati via Wi-Fi , se invece si è collegati con la rete cellulare la chiamata avrà un costo a seconda del proprio piano tariffario.

Quindi sulla base di tutte queste dinamiche di mercato eccovi spiegato il perchè di questa mossa anticipata da parte di Facebook che ricoprendo un ruolo di leadership nel proprio settore sta orientando sempre di più il suo utilizzo sulla versione mobile.

Ora la domanda è: alla luce della diffidenza mostrata nei suoi confronti basteranno tutte queste mosse a tamponare questa migrazione?

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing