Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Anche i Lavoratori Cinesi in Sciopero!

| 0 comments

Anche i Lavoratori Cinesi in Sciopero!

Guardando in casa nostra sembra quasi una notizia bufala invece non lo è! Dai primi di Aprile i dipendenti della sede di Dongguan dell’azienda taiwanese Yue Yuen Holdings Ldt. sono in sciopero e non hanno alcuna intenzione di mollare per difendere i loro diritti.

La protesta dei lavoratori cinesi è cresciuta nel tempo e ha coinvolto già 30mila persone tanto da essere stata considerata la più dura della recente storia della provincia del Guangdong. Per definire i confini di questa “agitazione”, l’azienda taiwanese Yue Yuen Holdings Ldt. è produttrice di scarpe per Nike, Adidas e altri brand a livello globale e la protesta degli operai è orientata a richiedere maggiori attenzioni nei confronti del welfare e un aumento dei salari ma una delle richieste disattese è il pagamento delle assicurazioni e previdenza sociale, oltre che degli aiuti sull’immobiliare.

Ci accorgiamo che i mercati sono cambiati e continuano a farlo come le generazioni stesse… i giovani sono molto diversi dai loro genitori e spesso non hanno alcuna intenzione di lavorare in una fabbrica. Questo ha creato come logica conseguenza, la mancanza di mano d’opera a basso costo in alcuni epicentri della manifattura in Cina. Dall’altra parte, coloro che sono disposti a lavorare negli stabilimenti, si organizzano per ottenere salari più alti e migliori benefit.

Le grandi aziende clienti (vedi Nike, Adidas, Asics, etc…) sono a dir poco preoccupate e temono di non riuscire a rispondere alle richieste dei compratori finali. Secondo il China Labor Bulletin, da giugno 2011 alla fine del 2013 ci sono stati quasi 1.200 tra scioperi e proteste in Cina e il 40% ha riguardato gli operai delle fabbriche.

Concludendo, l’effetto domino è davvero dietro l’angolo… gli effetti potrebbero ripercuotersi su tutto il sistema economico scatenando finalmente l’emancipazione della classe operaia e l’inizio del riscatto sociale cinese.

 

[Fonte http://www.fashionmagazine.it e http://www.globonews.it]

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Author: Francesco Fascinato

Project Manager

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing