Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Post Facebook Anonimi? No, grazie!

| 0 comments

Post Facebook Anonimi? Meglio di no!

Di qualche tempo fa la notizia che Facebook stesse pensando all’anonimato, colvitando rapporti con gli sviluppatori della App Secret, proprio come ritoportava, fra gli altri, il sito dell’ANSA.

“Condividere in libertà” è il motto dei creatori di Secret. E Zuckerberg potrebbe essere interessato ad aprire la sua piattaforma a questa nuova filosofia, con la possibilità di pubblicare contenuti senza associarvi in alcun modo il proprio nome.

A dire il vero la notizia non ha avuto molto seguito e i rumors da cui tutto è partito sembrerebbero non aver portato a nulla di fatto, vista la completa indifferenza di entrambe le parti. Sia Facebook che i “papà” di Secret, infatti, non hanno replicato in alcun modo alla stampa e nessuna notizia è trapelata dopo l’incontro fra il colosso social e gli aspiranti paladini della libertà.

Ma poco mi importa. Anche solo il paventato rischio di verdeci sommersi da contenuti anonimi su Facebook mi fa imbestialire. La privacy non deve essere per nessuno motivo uno strumento impiegato per nuocere a qualcuno. Perchè questo accadrebbe se aprissimo il vaso di Pandora dell’anonimato su Facebook.

Non c’è abbastanza consapevolezza, coscienza civica e educazione digitale perchè quello che per Mark Zukerberg e gli sviluppatoei di Secret potrebbe essere un enorme passo avanti, porti invece a una catastrofe sociale di proporzioni mai viste prima. Non faccio l’allarmista. Guardo in faccia la realtà. Già ora è difficile arginare fenomeni come il Cyberbullismo, l’uso di immagini inadatte e di un linguaggio inappropriato che sempre più spesso sfocia nelle offese e nella diffamazione vera e propria. Figuriamoci se fosse consentito il ricorso all’anonimato.

Ricordiamoci sempre che la nostra libertà finisce quando cominciamo a ledere quella degli altri. E poter scrivere qualsiasi cosa liberamente, senza doversene accollare la responsabilità, porterebbe fin troppe volte a ledere la libertà altrui in contesti come i Social. Basti guardare ASK.fm e i terribili danni che sta facendo.

Libertà si. Anarchia e indecenza no.

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Author: Marco Baruffato

Content & Editor Manager

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing