Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Vamping, Nuova Moda Social dei Teenager

| 0 comments

#Vamping: nuova moda notturna dei teenager

Una volta quando non ancora arrivavano smartphone e social network i teenager passavano il tempo a giocare con gli amici, guardare la tv e poi dritti a letto.

Ora invece dagli States e da poco anche in Europa arriva il Vamping nuova moda social tra i teenager. Cosa significa #Vamping? Semplicemente l’abitudine di chattare di notte direttamente dal proprio letto con i propri amici attraverso le piattaforme social rimanendo svegli fino all’alba.

Questo nuovo fenomeno giovanile è stato segnalato dal New York Times che ha cercato di analizzare il perchè di questa moda intervistando Danah Boyd, ricercatrice Microsoft - che si occupa di studiare e analizzare il comportamento dei teenager in rete – secondo cui le ragioni di questo comportamento vengono identificate sotto due aspetti: nel raccontare la giornata appena trascorsa ai propri amici dopo gli impegni scolastici e pomeridiani (sport ,musica, danza) e nel sentirsi liberi durante le conversazioni senza sentirsi controllati dai genitori.

Per rendersi conto della portata di questa nuova community  basta loggarsi su Twitter o Instangram e scrivere #Vamping.

Il risultato saranno tantissime foto e tweet postati da teenager che a discapito del sonno passano le ore notturne davanti a pc, smartphone o tablet.

Ora ammesso che la maggior parte dei giovani d’oggi tendono a seguire quella che è la moda del momento per sentirsi parte integrante della propria comitiva.

Davanti a simili fenomeni sociali che portano con sè più conseguenze dannose per la salute che altro sarebbe giusto che i genitori che sanno della abitudini notturne dei propri figli di portarli verso altre passioni più salutari, spiegandogli ciò che non di buono può causare il Vamping piuttosto che assecondarli.

La tecnologia ha sempre portato con se  dei vantaggi per la civiltà ma qualche volta porta anche degli svantaggi come in questo caso… l’insonnia… Voi che ne pensate?

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing