Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

ICReach: il Motore di Ricerca della NSA per Mail ed SMS

| 0 comments

ICReach: il motore di ricerca che indaga…

Tutti sappiamo che con lo sviluppo delle tecnologie ed in particolare del mondo del web la velocità delle  informazioni aumentano sempre di più come i mezzi per ottenerle.

Ebbene a distanza di qualche mese torniamo a parlare di privacy, che vede nuovamente protagonista la NSA (Agenzia per la sicurezza Americana) questa volta perchè Gleen Greenwald e Laura Poitras attraverso il loro nuovo quotidiano The Intercept hanno svelato l’esistenza di  ICReach, un motore di ricerca online che permette ai dipendenti della NSA di cercare  sms ed e-mail delle persone presenti nel proprio database che sono all’incirca 850 mila.

Questo nuovo strumento – venuto a galla in base  alla documentazione consegnata ai due giornalisti da Edward Snowden (talpa dello scandalo datagate) - ha una funzionalità molto semplice: basta inserire l’indirizzo mail ed il  numero di telefono della persona sospettata e dai risultati della ricerca possono venire fuori ad esempio una lista di telefonate effettuate ed sms ed e-mail mandati e ricevuti da questa persona.

Simili informazioni, che si presume dovrebbero essere riservate, provengono prevalentemente da programmi di vigilanza stranieri dell’NSA che riguardano anche cittadini statunitensi e che permettono di condividere le informazioni  con gli altri organi di sicurezza  come la DEA.

La nascita di ICReach risale fin dai primi anni ’90 con il progetto CrissCross - da prima appliccato solo all’America Latina per poi estenderlo a livello mondiale -  che consentiva alla NSA di ottenere macrodati sulle telefonate effettuate da persone legate al traffico delle sostanze stupefacienti ed individuare nuovi obiettivi di interesse .

Ovviamente c’è anche il rovescio della medaglia: perchè se nessuno si sognerebbe di vietare un uso di strumenti simili nella lotta contro i cartelli della droga, sul processo del reperimento dei dati esteso ad altri soggetti sembra che il Parlamento Europeo abbia sollevato dei dubbi e chiesto dei chiarimenti alla NSA.

Come dire….ok vigilare ma non sulle persone che non destano sospetti…

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing