Blog sponsorizzato da Centrogrossisti.it

vai al sito di Centro Grossisti

Gasparri e il Twitter Fail

| 0 comments

Gasparri Twitter Fail. Il Senatore la combina grossa…

L’antefatto

Forse non tutti lo sapranno ma offendere qualcuno attraverso un social network come Twitter è passibile di denuncia. Si tratta di un reato grave in quanto le piattaforme social sono state equiparate da recenti sentenze giuridiche ai quotidiani.

Si è aperta così l’era in cui un “semplice Tweet” che contiene una “parola di troppo” può persino farvi finire in galera.

Gasparri Twitter: la guerra con Fedez


Che Maurizio Gasparri non fosse molto diplomatico lo sapevamo già. E persino la sua incapacità a sfruttare i social network come politico ci è nota da tempo.

Ma ora scopriamo anche che non conosce il reato di diffamazione a mezzo stampa. La prova è la polemica esplosa nei giorni scorsi con il noto rapper milanese Fedez, che aveva preso posizione contro la manifestazione “Anti Invasione” della Lega Nord a Milano. Rispondendo al suo tweet, il vice presidente del Senato Gasparri, lo aveva definito “coso dipinto”, attaccandolo ripetutamente e difendendo le sue tesi “anti Fedez” proprio attribuendo uno scarso valore intellettuale al cantante a causa dei numerosi tatuaggi.

Una lotta contro i mulini a vento la sua. Cosa centrano i tatuaggi con l’intelligenza di una persona? E purtroppo per lui in tal senso la rete non ha tardato a intervenire. Contro il suo account Twitter si sono scagliati numerosi fan o colleghi, come J-Ax, e lo stesso Fedez che ha risposto “Caro Gasparri, io sono sporco all’esterno ma giudicare le apparenze è l’atteggiamento tipico di chi è sporco dentro”, un tweed ironicamente chiudo con un emoticon che manda un bacino all’interessato.

Il tweet alla fan “grassa”

Ma il passo vincente che porta all’epilogo drammatico della cronaca mediatica di questa polemica è la risposta di Gasparri a una della fan intervenute per difendere Fedez.

Fedeziana scrive al pidiellino su Twitter dicendogli che certamente Fedez è più pulito di lui. Immediatamente Gasparri replica scrivendo“Meno droga, più dieta messa male”, forse facendo riferimento a un presunto errore di battitura che ha reso il tweet di Fedeziana un po’ acerbo e sgrammaticato, anche se il senso era ben chiaro.

Frettolosamente il vice presidente ha rimosso il Tweet, probabilmente su suggerimento di qualche più cauto ed esperto social media addicted. Ma il danno era ormai fatto: una foto del Tweet ed è subito notizia.

Un vero e proprio “Gasparri Twitter Fail” che finirà nei manuali di Comunicazione Politica e Social Media Management, a mio avviso. Dal momento che è chiaro come Gasparri abbia ignorato tutte le regole della comunicazione sui social, contravvenendo anche al buon senso che DOVREBBE avere un politico, a maggior ragione con un ruolo istituzionale del suo calibro.

Avevamo già parlato della sua incapacità ad utilizzare le nuove forme di comunicazione a disposizione della politica (e non solo) ma questa volta il senatore l’ha fatta davvero grossa: in pochissimi Tweet, Gasparri si è trasformato nel Cyberbullo del Senato. Al peggio non c’è mai fine!

Comments

comments

Condividi!
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Email

Author: Marco Baruffato

Content & Editor Manager

Lascia un Commento

Required fields are marked *.

*


Social links powered by Ecreative Internet Marketing